archivi Categorie: Formazione

Registratore di cassa – novità dal 2014.

 

Registratori di cassa: la dichiarazione cartacea va in soffitta

registratore di cassa

Dal 2014 gli esercenti non dovranno più inviare all’Agenzia delle Entrate la dichiarazione cartacea in caso di attivazione, variazione e disinstallazione dei registratori di cassa.

E’ la novità introdotta dal provvedimento del direttore dell’Agenzia delle Entrate secondo il quale la prima verifica periodica del registratore di cassa sarà effettuata da chi mette in servizio l’apparecchio.

La misura fa parte del pacchetto delle semplificazioni fiscali presentate nella conferenza stampa dello scorso 3 luglio. Le novità introdotte consentono un notevole alleggerimento degli adempimenti a carico degli esercenti, che non dovranno più inviare alla Direzione provinciale la dichiarazione cartacea, tramite lettera raccomandata, relativa alla messa in funzione, variazione e disinstallazione dei misuratori fiscali.

Le informazioni contenute nelle dichiarazioni soppresse sono infatti contenute anche nel libretto fiscale di dotazione dell’apparecchio misuratore e vengono comunicate telematicamente da chi compie la verifica periodica al momento dell’installazione o della disinstallazione del misuratore. Si tratta di una semplificazione significativa, considerato che nel 2012 sono state in tutto circa 23mila le dichiarazioni inviate all’Agenzia delle Entrate. Il provvedimento stabilisce, inoltre, che la prima verifica periodica del registratore di cassa deve essere effettuata esclusivamente dal laboratorio o dal fabbricante abilitati al momento della messa in servizio dell’apparecchio.

Ufficio Legislativo Confcommercio Cesena

Femminicidio: un test che calcola il rischio.

FEMMINICIDIO

Il rischio di un possibile femminicidio si valuterà con un test.

Su questo sta lavorando uno dei sette gruppi di studio che si sono attivati a livello ministeriale.

Secondo gli esperti, infatti, individuando alcuni parametri della violenza fisica subita dalla donna, che si presenta magari per la prima volta presso la rete medica, è possibile capire se si tratta di un episodio singolo o dell’avvio di una escalation che potrebbe portare la vittima a subire ulteriori forme di violenza, sempre più gravi, fino appunto al femminicidio.

Uno dei fattori che vanno valutati per primi è se l’uomo che ha commesso l’atto violento, di qualsiasi genere sia, anche soltanto uno schiaffo sia un  consumatore abituale di droghe o alcool.

Secondo gli studi sul fenomeno, infatti questi sono due fattori che spesso si accompagnano a percorsi di violenza che possono scaturire nel femminicidio vero e proprio e che dunque devono immediatamente allarmare i soggetti che per primi vengono a contatto con la vittima.

Un altro fattore che deve essere vagliato, per comprendere il grado di rischio sottostante un episodio di violenza domestica a carico di  una donna è lo strumento che ha procurato l’escoriazione che la donna chiede di curare, quando si rivolge al medico.  

Gelo – attenzione ai contatori dell’acqua!

contatori d'acquaIl possibile abbassamento delle temperature alza la soglia di attenzione anche sugli impianti idrici esterni alle abitazioni, in particolare sui contatori dell’acqua, che possono arrivare a rompersi causa il gelo. Hera ricorda alcuni semplici accorgimenti che possono evitare disagi nella fruizione del servizio e spese impreviste.

 I contatori esterni sono i più soggetti a rotture da gelo.

I contatori “a rischio” sono quelli collocati all’esterno dei fabbricati, in locali non isolati o in abitazioni utilizzate raramente, come le case al mare o in montagna in cui si trascorrono le vacanze. Se i misuratori si trovano nei bauletti o in nicchie esterne ai fabbricati, in locali non riscaldati o non abitati, e se la temperatura esterna dovesse rimanere per vari giorni sotto zero, è consigliabile lasciare che da un rubinetto esca un filo d’acqua. È sufficiente una modesta quantità, evitando inutili sprechi.

Obesità infantile.

bambini obesi L’obesità è una patologia cronica caratterizzata da un significativo aumento di peso con ripercussioni gravi e invalidanti sulla qualità della vita. Da un punto di vista strettamente nutrizionale è sovrappeso chi ha un indice di massa corporea compreso tra 25 e 30 ed è obeso chi ha un indice di massa corporea superiore a 30.  

Il 30% di pazienti obesi che richiedono una cura ha in realtà un disturbo da alimentazione incontrollata (DAI), traduzione dall’inglese Binge Eating Disorder (BED). Consiste nel ricorso frequente ad abbuffate accompagnate da una sensazione di perdita di controllo, e colpisce sia uomini che donne senza una differenza particolarmente significativa tra i sessi. 

Le cause dell’obesità sono multi fattoriali: genetiche, ambientali, abitudini alimentari scorrette, alterazioni cardiopatiche e osteoarticolari, alterazioni dell’umore e della personalità.

Alimentazione:10 consigli utili per i bambini.

bambino che mangia10 utili consigli per i bambini.

Fai 5 pasti al giorno. Prima colazione, merenda di metà mattina, pranzo, merenda pomeridiana e cena. In questo modo la tua attenzione sarà migliore nello studio.

Comuncia la giornata con una buona colazione. Fai colazione : è una  buona abitudine. Non saltarla: deve ricaricarti dal lungo digiuno nottorno.

Non abbuffarti a merenda. La merenda a scuola dovrebbe fornire solo il 5 – 7% di tutta l’energia che ti serve ogni giorno. Se troppo ricca, riduce l’appetito a pranzo e consumerai un pasto in quantità insufficiente alterando, così, il giusto ritmo dei parti.

Non magiucchiare tutto il giorno. E’ sbagliato mangiucchiare tutto il giorno. Introducendo più cibo del dovuto costringiamo il nostro organismo ad una continua e dannosa digestione.

Leggi l’etichetta. Sui prodotti confezionati puoi leggere in etichetta il valore nutritivo. Ti aiuterà a mangiare la quantità giusta. Impareremo molte cose utili e terremo sotto controllo carenze o eccessi alimentari.

Dedica al cito il giusto tempo. Cerca di non magiare mentre studi o guardi la Tv. Il cibo merita una giusta pausa affinchè ci si possa rilassare e gustare ciò che si sta mangiando.

Frutta e verdura 5 volte al giorno. La frutta e la verdura contengono numerose sostanze indispensabili per la tua salute, come le vitamine e i minerali.

Controlla regolarmente peso e altezza. Se il peso corre più veloce dell’altezza, è bene rallentar la sua corsa con maggior movimwento e con magiore attenzione a ciò che si mangia.

Muoviti il più possibile. Cammina, corri, sali le scale di casa a piedi, fai giochi di movimento. L’attività motoria e il gioco favoriscono una crescita equilibrata. Il movimento spontaneo aiuta a spendere l’energia che introduciamo con il cibo più di quanto si pensi. Previene così sovrappenso e obesità.

Varia spesso la tua alimentazione. Per assicurare i nutrienti al nostro corso ogni pasto deve variare giorno per giorno.

Confcommercio  Cesena