Alimentazione:10 consigli utili per i bambini.

bambino che mangia10 utili consigli per i bambini.

Fai 5 pasti al giorno. Prima colazione, merenda di metà mattina, pranzo, merenda pomeridiana e cena. In questo modo la tua attenzione sarà migliore nello studio.

Comuncia la giornata con una buona colazione. Fai colazione : è una  buona abitudine. Non saltarla: deve ricaricarti dal lungo digiuno nottorno.

Non abbuffarti a merenda. La merenda a scuola dovrebbe fornire solo il 5 – 7% di tutta l’energia che ti serve ogni giorno. Se troppo ricca, riduce l’appetito a pranzo e consumerai un pasto in quantità insufficiente alterando, così, il giusto ritmo dei parti.

Non magiucchiare tutto il giorno. E’ sbagliato mangiucchiare tutto il giorno. Introducendo più cibo del dovuto costringiamo il nostro organismo ad una continua e dannosa digestione.

Leggi l’etichetta. Sui prodotti confezionati puoi leggere in etichetta il valore nutritivo. Ti aiuterà a mangiare la quantità giusta. Impareremo molte cose utili e terremo sotto controllo carenze o eccessi alimentari.

Dedica al cito il giusto tempo. Cerca di non magiare mentre studi o guardi la Tv. Il cibo merita una giusta pausa affinchè ci si possa rilassare e gustare ciò che si sta mangiando.

Frutta e verdura 5 volte al giorno. La frutta e la verdura contengono numerose sostanze indispensabili per la tua salute, come le vitamine e i minerali.

Controlla regolarmente peso e altezza. Se il peso corre più veloce dell’altezza, è bene rallentar la sua corsa con maggior movimwento e con magiore attenzione a ciò che si mangia.

Muoviti il più possibile. Cammina, corri, sali le scale di casa a piedi, fai giochi di movimento. L’attività motoria e il gioco favoriscono una crescita equilibrata. Il movimento spontaneo aiuta a spendere l’energia che introduciamo con il cibo più di quanto si pensi. Previene così sovrappenso e obesità.

Varia spesso la tua alimentazione. Per assicurare i nutrienti al nostro corso ogni pasto deve variare giorno per giorno.

Confcommercio  Cesena

 

About Meris Casalboni
Amo definirmi imprenditrice di me stessa! Ecco perché amo le donne, per l’impegno, la costanza, la perseveranza che mettono in tutto ciò che fanno. Sposata, con una figlia, amo la casa, leggere, giocare a “burraco” e soprattutto amo stare con gli amici. Dico sempre che l’età è solo un fattore anagrafico: dopo i 40 anni, tutti gli altri sono di esperienza! Conciliare il lavoro, la famiglia, la casa, gli interessi e una figlia di 18 anni, richiede un impegno costante, una buona organizzazione mentale e, perché no, un buon carattere. Professionalmente nasco all’interno delle Associazioni di categoria, seguendo per anni le attività legate al mondo dell’artigianato e del commercio, diventando punto di riferimento per le imprese artigianali, commerciali, di servizio alla persona e alla casa, giovani imprenditori e donne imprenditrici.