Voglio fare la parrucchiera: ecco come si fa!

parrucchera

Voglio fare la parrucchiera – cosa devo fare?

La figura professionale di barbiere e parrucchiere uomo e donna è stata sostituita integralmente  dall’unica figura di acconciatore dalla Legge n.174/2005.

Oggi per aprire un’attività di acconciatore sono necessari prima di tutto i requisiti previsti dall’art.3 delle legge 174/2005, che si ottengono con i percorso sottondicati nonchè il  superamento di un esame teorico – pratico, presso un Ente di Formazione accreditato preceduto da:

  • periodo di inserimento in impresa del settore della durata di 3 anni, da effettuare nell’arco di 5 anni, seguito da svolgimento di apposito corso di formazione tecnica;
  • tale periodo è ridotto a 1 anno da effettuare nell’arco di 2 anni, qualora sia preceduto da un rapporto di apprendistato della durata prevista dal CCNL (5 anni) .

        Mentre coloro che alla data del 19 settembre 2012,  avevano maturato i requisiti professionali in base ai percorsi lavorativi previsti dellle precedenti Leggi (161/1963 e 1142/1970), in quanto compatibili, potranno richiedere il riconoscimento della qualifica professionale di Acconciatore secondo i criteri previsti dalle suddette leggi, anche in data successiva a quella indicata, tali requisiti sono riassunti:

  • essere già stati titolari di impresa artigiana iscritta a un AIA, di barbiere/parrucchiere;
  • avere svolto attività lavorativa in qualità  di dipendente qualificato/collaboratore familiare/socio partecipante in impresa artigiana del settore per almeno 2 anni a tempo pieno;
  • avere conseguito un regolare periodo di apprendistato in impresa del settore, della durata prevista dal CCNL (5 anni).

Sportello Bellezza & Benessere –  Sig.ra Meris Casalboni – tel. 0547 – 639872 (diretto) m.casalboni@ascom-cesena.it

 

About Meris Casalboni
Amo definirmi imprenditrice di me stessa! Ecco perché amo le donne, per l’impegno, la costanza, la perseveranza che mettono in tutto ciò che fanno. Sposata, con una figlia, amo la casa, leggere, giocare a “burraco” e soprattutto amo stare con gli amici. Dico sempre che l’età è solo un fattore anagrafico: dopo i 40 anni, tutti gli altri sono di esperienza! Conciliare il lavoro, la famiglia, la casa, gli interessi e una figlia di 18 anni, richiede un impegno costante, una buona organizzazione mentale e, perché no, un buon carattere. Professionalmente nasco all’interno delle Associazioni di categoria, seguendo per anni le attività legate al mondo dell’artigianato e del commercio, diventando punto di riferimento per le imprese artigianali, commerciali, di servizio alla persona e alla casa, giovani imprenditori e donne imprenditrici.