Archivi Giornalieri: 1 Ottobre 2013

IVA dal 21% al 22% – ecco gli effetti dell’aumento!

 Da oggi 1^ ottobre l’aumento dal 21 al 22% dell’Iva. Un’analisi dell’Ufficio Studi Confcommercio evidenzia i pesanti effetti recessivi di questo aumento con un impatto negativo su consumi, prezzi, redditi, produzione e occupazione.iva

Sulla ‘stangata’ Iva si levano le grida di dolore dei commercianti e dei consumatori.  La crisi ”ha stremato famiglie e imprese” – osserva il presidente di Confcommercio Carlo Sangalli – e impone percio’ al Governo ”la responsabilita’ di scongiurare, anche se i tempi e i margini sono strettissimi, l’aumento dell’Iva, perche’ questo determinerebbe effetti recessivi e depressivi esiziali per l’economia reale”. 

Gli effetti recessivi dell’aumento dell’Iva dal primo ottobre sembrano essere inevitabili ma sopratutto sono sottovalutati da più parti. Per questo motivo l’Ufficio Studi Confcommercio nei giorni scorsi aveva effettuato una precisa analisi economica di questi effetti: 

Impatto sui consumi: si amplificherebbe la già drammatica situazione dei consumi che, dopo aver chiuso il 2012 a -4,3%, chiuderà, senza interventi, anche quest’anno in negativo a -2,4%. L’incremento dell’Iva, che si tradurrebbe in una riduzione dei consumi dello 0,1% a parità di altre condizioni, andrebbe a incider negativamente sulle spese del mese di dicembre e quindi delle festività, momento nel quale, invece, potrebbero concretizzarsi finalmente gli auspicati segnali di ripresa.

Celiachia – incremento della intolleranza del 10% all’anno.

celiachia

La celiachia  è un’intolleranza permanete al glutine, sostanza proteica presente in avena, frumento,n farro, grano khorasan ( di solito commercializzato come kamut), orzo, segale, spelta e criticale.

L’incidenza di questa intolleranza  in Italia è stimata in un soggetto ogni 100 persone. Ogni anno vengono effettuale 10.000 nuove diagnosi: un incremento annuo di circa il 10%. 

Per curare la celiachia, attualmente, occorre escludere dal proprio regime alimentare alcuni degli alimenti più comuni, Quali la pasta, biscotti, e pizze, ma anche eliminare le più piccole tracce di glutine dal piatto. Questo implica un forte impegno di educazione alimentare. Infatti l’assunzione di glutine, anche in piccole quantità, può provocare diverse conseguenze più o meno gravi come ad esempio, anemia, cefalea, dissenteria, perdita di peso ed arresto della crescita. La dieta senza glutine, condotta con rigore è l’unica terapia attualmente.

Confcommercio Cesena

Sportello di assistenza agli anziani presso la Sede del Quartiere Cervese Sud.

 

A partire dal 3 ottobre verrà attivato  un nuovo sportello Socio – Assistenziale di Comunità,  che si andrà ad aggiungere a quelli già presenti dell’Ippodromo, S. Carlo, Borello, Montiano.
 Le persone fragili ed anziane potranno così trovare, gratuitamente, presso la sede del Quatiere Cervese Sud – in Via Cervese 1260,  tel. 0547 – 381.141, un luogo dove infermieri Professionali volontari sono a loro disposizione per:
 
  • la misurazione della pressione arteriosa e della glicemia,
  • per piccole medicazioni
  • per iniezioni
  • per ascoltare ed informare sui servizi e sugli aiuti presenti in raccordo con il Centro Risorse Anziani  nei seguenti giorni:
  • il lunedì e il giovedì dalle ore 8,30 alle ore 10,30.