Hobbisti: ecco la legge.

hobbisti bancarelle

Hobbisti – una legge di regolamentazione per i mercatini in vendita non più di un oggetto che costi oltre 100 euro.

Gli hobbisti non possono vendere, barattare, proporre o esporre più di un oggetto con un prezzo superiore a 100 euro. Relativamente all’esposizione dei prezzi si applicano le disposizioni e le sanzioni del Decreto 114/1998: ciascun hobbista consegna al Comune, in occasione della vidimazione del tesserino, l’elenco completo dei beni che intende vendere, barattare, proporre o esporre e il relativo prezzo.

Sono alcune delle novità contenute nel nuovo  progetto di legge. La nuova norma prevede fra le tante novità,  che la merce esposta, da inserire nell’elenco, non può superare il valore di 1.000 euro.

La proposta di regolamentazione è all’interno di un provvedimento di modifica di due leggi regionali, la 12/1999 (Norme per la disciplina del commercio su aree pubbliche) e la 21/1984 (Disciplina dell’applicazione della sanzioni amministrative). Nella prima modifica vengono regolamentati i cosiddetti mercatini degli hobbisti (art. 5 e 6) che hanno trovato crescente diffusione negli ultimi anni, venendo ad incidere sul sistema del commercio nelle aree pubbliche. I mercatini saranno organizzati dai Comuni, che ne possono affidare a terzi la gestione, così come avviene anche per le fiere e per i mercati. Nella nuova disciplina, i Comuni devono prevedere che la partecipazione degli hobbisti avvenga con criteri di rotazione e senza il riconoscimento di priorità ottenute per la presenza ad edizioni precedenti. I Comuni sono tenuti a redigere un elenco dei partecipanti a ciascuna manifestazione, da inviare annualmente alla Regione. Per prendervi parte, gli hobbisti devono richiedere al proprio Comune di residenza, previo pagamento di 200 euro, un tesserino che consente la partecipazione a dieci manifestazioni all’anno, per un massimo di due anni nell’arco di ogni quinquennio. Nel provvedimento vengono inoltre stabilite le caratteristiche del tesserino identificativo e le modalità di presentazione dell’istanza per l’ottenimento del medesimo (ogni nucleo di residenti nella medesima unità immobiliare può ottenere il rilascio di un unico tesserino).
Con l’approvazione dei due emendamenti presentati dall’assessore Melucci, vengono inoltre stabillite le sanzioni. Si va da 250 a 1.500 euro, e si applicano nei seguenti casi: assenza del titolare del tesserino identificativo, o mancata esposizione del tesserino al pubblico o agli organi preposti alla vigilanza; mancata consegna al Comune, in occasione della vidimazione del tesserino, dell’elenco dei beni oggetto di vendita, ovvero accertata incompletezza o non veridicità dell’elenco; vendita, baratto, proposta o esposizione di più di un oggetto con un prezzo superiore a 100 euro.

Per quanto riguarda le norme per la disciplina del commercio su aree pubbliche, in particolare le concessioni dei posteggi, il progetto di legge prevede che nei mercati ogni autorizzazione riguarda un singolo posteggio per ogni singolo giorno. Nei mercati con strutture fisse e nelle fiere l’autorizzazione riguarda tutti i giorni in cui esercita l’attività. Un medesimo soggetto giuridico non può essere titolare o possessore di più di due concessioni nell’ambito del medesimo settore merceologico alimentare e non alimentare nel caso di aree mercatali con un numero complessivo di posteggi inferiore o pari a cento, ovvero di tre concessioni nel caso di aree con numero di posteggi superiore a cento”.
Infine, le modifiche alla legge regionale 21/1984 prevedono l’introduzione dell’istituto della diffida amministrativa in un ottica di semplificazione. Questa modifica appare particolarmente utile per gli operatori di polizia locale, quale strumento volto a facilitare il loro operato.

About Meris Casalboni
Amo definirmi imprenditrice di me stessa! Ecco perché amo le donne, per l’impegno, la costanza, la perseveranza che mettono in tutto ciò che fanno. Sposata, con una figlia, amo la casa, leggere, giocare a “burraco” e soprattutto amo stare con gli amici. Dico sempre che l’età è solo un fattore anagrafico: dopo i 40 anni, tutti gli altri sono di esperienza! Conciliare il lavoro, la famiglia, la casa, gli interessi e una figlia di 18 anni, richiede un impegno costante, una buona organizzazione mentale e, perché no, un buon carattere. Professionalmente nasco all’interno delle Associazioni di categoria, seguendo per anni le attività legate al mondo dell’artigianato e del commercio, diventando punto di riferimento per le imprese artigianali, commerciali, di servizio alla persona e alla casa, giovani imprenditori e donne imprenditrici.

2 Responses to Hobbisti: ecco la legge.

  1. Barbara scrive:

    Complimenti per l’atricolo, ben fatto ed interessante. Avrei una questione da sottoporvi nella speranza che possiate essermi d’aiuto.
    Per queste feste avrei intenzione di approcciare una bancarella al mercatino di natale della mia città, il mio problema è però che vorrei vendere prodotti alimentari, tipo dolci fatti da me e magari Vin broulet, ma non so quali norme devo seguire. Se necessario avrei un amico che può prestarmi un laboratorio a norma, ma anche qui nn so come formalizzare la cosa. Potreste fornirmi indicazioni in merito o suggerirmi a chi potrei rivolgermi? Vi ringrazio infinitamente.
    Cari saluti, Barbara

    • Meris Casalboni scrive:

      Carissima, poichè la materia è complessa, ti consiglio di rivolgerti al Comune ove intendi partecipare al mercatino. Solo loro sono in grado di aiutarti e di fornirti le informazioni ed i consigli che necessiti.
      Un saluto caro.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *