Imprenditoria femminile in provincia ecco i settori di attività.

donne imprenditrici

L’Ufficio Statistica e Studi della Camera di Commercio di Forlì – Cesena, ha consegnato la situazione al 31 dicembre 2012 delle imprese femminili della nostra Provincia in termini di consistenza, tendenza, distribuzione territoriale, natura giuridica, ecc..

Ora diamo seguito alla precedente comunicazione illustrandovi i settore  di maggior attrattività per le imprese femminili.

Per quanto riguarda la disaggregazione per settore di attività, in provincia il 26,6% delle imprese femminili appartiene al commercio ed il 19,5%  all’agricoltura. Seguono in ordine di importanza le altre attività di servizi (11,3%) il settore degli alberghi e ristoranti (11,0%), il settore manifatturiero (8,4%)  e le attività immobiliari (6,3%).

 Se si prendono in considerazione i primi  6 settori in ordine di importanza, che raggruppano l’83,2% delle imprese femminili della provincia, il comparto a più elevata presenza femminile risulta altre attività di servizi (comprendente attività quali lavanderia, estetiste, parrucchiere ecc..) con oltre la metà delle imprese esistenti nella provincia (55,7%)

L’analisi delle imprese femminili per natura giuridica mostra come il 64,7% siano imprese individuali, il 24,7% società di persone e solo il 9,1% società di capitali  (la loro incidenza però è in aumento dell’8,9%) del 31 dicembre 2011). Nel territorio operano anche 107 cooperative “femminili” (1,2%) .

A cura dell’osservatorio di Confcommercio Cesena

About Meris Casalboni
Amo definirmi imprenditrice di me stessa! Ecco perché amo le donne, per l’impegno, la costanza, la perseveranza che mettono in tutto ciò che fanno. Sposata, con una figlia, amo la casa, leggere, giocare a “burraco” e soprattutto amo stare con gli amici. Dico sempre che l’età è solo un fattore anagrafico: dopo i 40 anni, tutti gli altri sono di esperienza! Conciliare il lavoro, la famiglia, la casa, gli interessi e una figlia di 18 anni, richiede un impegno costante, una buona organizzazione mentale e, perché no, un buon carattere. Professionalmente nasco all’interno delle Associazioni di categoria, seguendo per anni le attività legate al mondo dell’artigianato e del commercio, diventando punto di riferimento per le imprese artigianali, commerciali, di servizio alla persona e alla casa, giovani imprenditori e donne imprenditrici.