Monthly Archives: giugno 2013

Aumentata l’imposta di bollo – marche da bollo da 14,62 a 16,00 euro.

marca da bollo

Aumentata l’imposta di bollo da ieri 26 giugno.

Con la pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale n. 147 del 25 giugno 2013 della Legge di conversione n. 71 del 24 giugno 2013, con modificazioni, del Decreto-Legge n. 43 del 26 aprile 2013, le misure dell’imposta fissa di bollo attualmente stabilite in euro 1,81 ed in euro 14,62 ovunque ricorrano, aumentano rispettivamente in euro 2,00 e in euro 16,00.

Le nuove misure risultano operative dal 26 giugno 2013 (giorno successivo a quello della pubblicazione nella G.U. della legge di conversione).

Osservatorio Confcommercio Cesena

 

 

Etichettatura prodotti alimentari : un seminario il 3 luglio p.v.

 

etichettatura

Un seminario tecnico sulla normativa che regola l’etichetteatura dei prodotti alimentari con particolare attenzione alla contraffazione alimentare.

Si terrà mercoledì 3 luglio 2013, presso la Sala Verde della Camera di Commercio di Ravenna (ingresso Via di Roma 89 – Ravenna), si terrà il seminario tecnico organizzato dall’Eurosportello della Camera di commercio di Ravenna in collaborazione con la Stazione Sperimentale Industriale per le Conserve Alimentari di Parma (SSICA) nell’ambito delle attività della rete Enterprise Europe Network (EEN). Tale seminario ha come obiettivo quello di fornire un quadro sulla normativa in tema di etichettatura, presentazione e pubblicità degli alimenti, al fine di fornire alle aziende informazioni utili e strumenti pratici per costruire un’etichetta conforme alla normativa nazionale vigente (D.Lgs. 109/92 e s.m.i.) ed al nuovo Regolamento comunitario (Reg. UE 1169/2011).

Percorsi erratici: presentazione progetto di rete!

 percorsi erraticiMartedì 16 luglio p.v., dalle ore 11.30 alle 12.30, presso la Sala del Consiglio della Camera di Commercio di Forlì-Cesena, si terrà l’incontro di presentazione del progetto di rete, che sarà costituita dalle imprese selezionate.

Sussistono ancora non pochi ostacoli, sia di ordine culturale che di ordine pratico, che di fatto limitano quantitativamente e qualitativamente l’innovazione prodotta. In particolare appaiono ancora fortemente limitanti alcuni vincoli, quali la carenza di una vera e diffusa cultura orientata all’innovazione, l’accesso al credito a sostegno di progetti innovativi, la patrimonializzazione e la dimensione d’impresa, il rapporto con il mondo della ricerca, la capacità e la cultura del lavorare in rete, la difficoltà – soprattutto per i giovani – di affrontare un ambiente economico sempre più competitivo ed un sistema di regole sempre più complesso e burocratizzato.

Assicurazioni: donne penalizzate dagli aumenti!

assicurazioni

Assicurazioni: donne penalizzate dagli aumenti! Se fossero definitivamente confermati questi dati potrebbero finire a Strasburgo.

  • Già, per nell’ultimo rapporto diffuso dall’Ivass, l’Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni che da gennaio ha sostituito l’Isvap, si evince che in Italia i premi delle assicurazioni variano in base al sesso: più alti per le donne e più bassi per gli uomini.

 E questo nonostante ci sia stata una sentenza delle Corte di Giustizia Europea sulla parità di trattamento uomo – donna.

Dall’analisi compiuta dall’Ivass risulta che negli ultimi 12 mesi, tra i prezzi medi ponderati, l’aumento più elevato su scala nazionale è stato pari al 13,5% per una diciottenne che ha assicurato una macchina di 1.300 cc alimentata a benzina, in classe C.U.14.

Se si guarda, invece, al premio medio ponderato per il corrispondente profilo maschile, si registra un calo del 6,7%.

Insomma, stessa cilindrata, stessa età, stessa città, ma il premio per la donna è aumentato del 13%  e quello per l’uomo è diminuito di quasi il 7%.

Una sproporzione che grida vendetta!

L’indagine dell’authority sulle assicurazioni ha preso in esame i prezzi praticati da 21 province per 11 tipolgie standard di assicurazioni, sia per automobilisti che motociclisti, di entrambi i sessi.

Dallo studio, si evince che anche gli aumenti più consistenti si sono verificati nel Sud Italia e questo mettendo a confronto tutto il blocco delle province del settentrione con quelle del meridione.

Un esempio? Un 55enne di sesso maschile alla guida di un’autovettura di piccola cilindrata a Napoli, pur se in classe bonus – malus di massimo sconto, paga una tariffa media di 1.237 euro, in aumento del 9% rispetto allo scorso anno, a fronte di tariffe inferiori ai 400 euro che il medesimo assicurato pagherebbe a Trento, Bolzano o Aosta con aumenti che a malapena hanno raggiunto il 2,5% (quindi inferiori all’inflazione).

Infine, l’unica nota positiva arriva dalle 2 ruote. In questa categoria, infatti, la parità dei sessi sembra preservata.

Osservatorio Confcommercio Cesena.

Empowerment delle donne: tema discusso giovedì 20.6.2013.

 Donne in crescita, in aumento, nel mondo economico e finanziario, nella vita politica, amministrativa dei Consigli di Amministrazione nelle società, quotate, che propongono nuove strategie per il rilancio del mercato, attraverso la meritocrazia, seguendo i percorsi dell’informazione e della formazione, possono operare dei profiqui cambiamenti e raggiugere degli obiettivi anche economici.Convegno FIDAPA giugno 2013 026

Empowerment delle donne questo il tema  dibattuto, dalle Presidenti di Fidapa, Terziario Donna di Confcommercio, Donna Impresa  Confartigianato, e Confagricoltura, durante il  Convegno tenuto giovedì 20 giugno alle ore 17.30, presso la Sala E.  Cacciaguerra della Banda di Cesena, in V.le Bovio n.75. (vedi foto)