Longevità: ecco il segreto!

Il Segreto della longività? Poca Vitamina D.

Il segreto della longevità, a sorpresa, potrebbe essere nei livelli insolitamente bassi di vitamina D (una vitamina liposolubile che promuove l’assorbimento del calcio da parte dell’organismo).

Secondo uno studio pubblicato su ‘Cmaj’ e condotto sui familiari di un folto gruppo di ultranovantenni, i risultati non lasciano dubbi: “Abbiamo scoperto che la longevità familiare è associata a bassi livelli di vitamina D e a una minore frequenza di una variazione allelica nel gene Cyp2R1, associata proprio a più alti livelli di vitamina D.

 A stupire un po’ è anche il fatto che precedenti ricerche avevano mostrato che bassi livelli di vitamina D sono associati a un aumento del rischio di morte, cardiopatia, diabete, tumore, allergie e altri problemi, ma non si sa ancora se questi livelli siano la causa o la conseguenza delle patologie evidenziate. Per stabile l’esistenza di un legame tra la vitamina D e la longevità, i ricercatori olandesi hanno esaminato i dati di 380 famiglie con almeno due componenti sopra i 90 anni (89 anni per gli uomini e 91 per le donne).

 Lo studio ha coinvolto gli anziani, i fratelli, la loro prole e i loro partner per un totale di 1.039 discendenti e 461 controlli. I partner sono stati inclusi perché erano di età simile a quella dei soggetti da analizzare e avevano condiviso fattori ambientali simili, elementi che potevano influire sui livelli di vitamina D.

I ricercatori hanno misurato 25 tipi di vitamina D, caratterizzandoli in base al mese e alle variazioni stagionali. Si è tenuto conto anche dell’uso dei lettini solari (che può influire sui livelli di vitamina D), dell’età, del sesso, dell’indice di massa corporea, dell’assunzione di integratori vitaminici, della funzione renale e dell’influenza di tre varianti genetiche associate con i livelli di vitamina D.

 “Abbiamo scoperto che i figli degli ultranovantenni che avevano almeno un fratello sopra i 90 anni avevano livelli di vitamina D più bassi dei controlli, indipendentemente da altri possibili fattori confondenti”, scrivono gli autori. “Abbiamo anche scoperto che la prole” dei super-anziani “presentava una più bassa frequenza di comuni varianti nel gene Cyp2R1.

Una variante comune di questo gene predispone le persone – ricordano i ricercatori – a più elevati livelli di vitamina D”. Ebbene, lo studio evidenzia la presenza di un legame tra vitamina D e longevità familiare, anche se “sono necessarie ulteriori ricerche per mettere in luce il meccanismo che collega questa sostanza con le varianti genetiche e la propensione a superare i 90 anni di età”.

 

About Meris Casalboni
Amo definirmi imprenditrice di me stessa! Ecco perché amo le donne, per l’impegno, la costanza, la perseveranza che mettono in tutto ciò che fanno. Sposata, con una figlia, amo la casa, leggere, giocare a “burraco” e soprattutto amo stare con gli amici. Dico sempre che l’età è solo un fattore anagrafico: dopo i 40 anni, tutti gli altri sono di esperienza! Conciliare il lavoro, la famiglia, la casa, gli interessi e una figlia di 18 anni, richiede un impegno costante, una buona organizzazione mentale e, perché no, un buon carattere. Professionalmente nasco all’interno delle Associazioni di categoria, seguendo per anni le attività legate al mondo dell’artigianato e del commercio, diventando punto di riferimento per le imprese artigianali, commerciali, di servizio alla persona e alla casa, giovani imprenditori e donne imprenditrici.